Una Mission Quasi-possible: la Casa dei Bambini

Caro lettore, lettrice, amico, compagna.

Qui per voi una storia natalizia, commovente, reale, triste, forse, sicuramente coerente con le nostre scelte.

E’ la storia della Fondazione Scalabrini di Como che ci propone di iniziare da una casa.
La Casa è l’inizio di ogni famiglia, è luogo dove ci si può sentire prottetti, accolti, compresi, persino una famiglia in difficoltà può ripartire e trovare sicurezza e fiducia. La Casa può essere anche il riparo che una comunità porta in dono alle famiglie più fragili, perché la speranza sia un gesto condiviso.

La Fondazione Scalabrini cammina sul progetto di prendere case in affitto e in comodato, di sistemarle per accogliere famiglie fragili offrendo loro una casa in cui abitare temporaneamente. Un momento custodito per trovare un rifugio durante una difficoltà della vita (perdita del lavoro, problemi di salute, separazioni,…) e, intanto, per trovare le forze e le risosrse necessarie per riuscire a ‘rimettersi in piedi’ e tornare a ‘metter su casa’ per conto proprio.

La Fondazione accoglie ormai oltre 300 persone, grazie alla collaborazione con servizi sociali, associazioni, parrocchie e volontariato. In Fondazione ci sono anche io, sono Francesca, e la mia attività, insieme agli altri, mi rende spesso testimone di vicende positive, quindi questa è una storia anche mia.

Ci sono famiglie che ci lasciano dirette verso una casa stabile, verso un lavoro ritrovato, verso una nuova convivenza. Ci lasciano un loro passo, o passato, per compierne un altro!

Nella nostra storia però resterà per sempre anche la tragedia consumata il 20 ottobre dello scorso anno, quando in una casa che avevamo in gestione un papà ha appiccato intenzionalmente un rogo assassino, in cui hanno trovato la morte di lui e dei suoi quattro bimbi: Siff, Sophia, Soraya e Saphiria.

Reagire al dolore è stato difficile anche per la Fondazione Scalabrini, la quale ha scelto però di continuare ad ospitare, ha scelto di ripartire da una difficoltà: offrire un segno concreto di ri-costruzione, di coesione sociale, acquistando un appartamento in città da dedicare per sempre all’accoglienza di famiglie con bambini, una casa stabile che consenta alla città di offrire alle famiglie con bimbi piccoli un riparo.

Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti: attraverso la nostra piattaforma di raccolta fondi https://www.successivamente.org/casadeibambini o il nostro IBAN 12I 08430 10900 000 000 262878 .

Sulla pagina facebook https://www.facebook.com/fondazionescalabrini raccontiamo tutti gli aggiornamenti di una campagna a cui stanno partecipando cittadini, associazioni, imprese, artisti, esercizi commerciali… in una gara di creatività e solidarietà che regala speranza.

Abbiamo un obiettivo ambiziosissimo (300.000 euro), che stiamo raggiungendo attraverso una campagna a cui stanno partecipando cittadini, associazioni, imprese, artisti, esercizi commerciali, in una gara di creatività e solidarietà che regala speranza: dalla vendita di sale aromatico fatto nell’orto aziendale di un gruppetto di donne in un’azienda locale al Natale con le Palle di un gruppo di artisti comaschi (con un distributore di opere d’arte con la rotella come quello delle cicche di quanto eravamo bambini ma moooolto più grande), dall’apporto generosissimo del Centro di Aiuto alla Vita di Como e di Confedilizia di Como alla raccolta fondi dei bambini della scuola elementare.

Oggi ci avviciniamo a quota 100.000, che è un grandissimo risultato, ma ancora non basta per la piena sostenibilità del progetto.

Ci vuoi aiutare?

Questo è il link della piattaforma di raccolta fondi dove trovi tutte le informazioni e un breve video di presentazione. https://www.successivamente.org/casadeibambini

Per noi vale tutto: anche l’aiuto più piccolo è un segno di vicinanza che ci dà un mucchio di coraggio!

Grazie.

Francesca Paini